Raccomandato, 2024

Scelta Del Redattore

Pielonefrite: ora il riposo a letto e gli antibiotici aiutano

Le donne sono particolarmente a rischio di sviluppare pancreas renale.
Foto: iStock

pielonefrite

Dolore nella zona addominale e posteriore, febbre, brividi, nausea e bruciore durante la minzione possono essere prove di pielonefrite acuta . Chiunque osservi questi sintomi dovrebbe consultare immediatamente il medico di famiglia o un urologo. Dr. Reinhold Schaefer, urologo e amministratore delegato di Uro-GmbH Nordrhein, spiega che l'infiammazione pelvica renale si sviluppa spesso da cistite non trattata. " Nel processo, i batteri raggiungono il rene attraverso la vescica e l'uretere, si depositano lì e si moltiplicano. "

Le donne hanno un rischio particolare di sviluppare un'infiammazione pelvica ai reni perché hanno un'uretra più corta rispetto agli uomini e più comunemente hanno infezioni alla vescica. " Inoltre, il rischio aumenta durante la gravidanza e la menopausa, quando il corpo è esposto a fluttuazioni ormonali " , afferma l'urologo. Il gruppo a rischio comprende anche persone con calcoli renali e vescicali o ostruzione urinaria congenita. Anche i disturbi metabolici come il diabete o la gotta svolgono un ruolo nella patogenesi.

L'infiammazione pelvica renale viene trattata con antibiotici, che spesso devono essere assunti per diverse settimane. I pazienti devono bere molto e, se possibile, osservare il riposo a letto per la prima volta. " La scelta dell'antibiotico giusto appartiene alle mani di uno specialista ", afferma il dott. Med. Schaefer. Poiché molti batteri non rispondono più a determinati rimedi (la temuta resistenza agli antibiotici), gli urologi esaminano l'urina in laboratorio e determinano esattamente il tipo di batteri che hanno scatenato questa infiammazione. " Quindi sappiamo ancora prima dell'inizio della terapia quale antibiotico è efficace contro questo ceppo batterico e quindi assicuriamo un trattamento efficace " , afferma il dott. Med. Schaefer.

Se una pielite acuta non viene riconosciuta o trattata in modo coerente, può diventare cronica. " Nel peggiore dei casi, può quindi portare a insufficienza renale o alla fine in sepsi, cioè avvelenamento del sangue " , Dr. Schaefer.

Per prevenire la pielite, l'urologo consiglia di bere molti liquidi e mantenere caldo addome e piedi in ogni momento . Nell'ipotermia, la mucosa della vagina e della vescica è scarsamente alimentata di sangue, il che rende più facile la penetrazione dei batteri. " Le persone sensibili dovrebbero andare in bagno immediatamente, anche dopo la frequenza urinaria e dopo i rapporti " , Dr. Schaefer. " Con l'urina, la maggior parte dei patogeni vengono eliminati prima che possano fare del male ."

Interessante anche:

Calcoli renali: queste sono le cause e i sintomi

Top